AREA TELECOMUNICAZIONI
Telefonia » Telefonia mobile » Condizioni di utilizzo

Risorse correlate

Condizioni di utilizzo

A partire dal mese di gennaio 2007 è stata attivata la nuova procedura per la gestione degli addebiti relativi all’utilizzo personale dell’utenza di telefonia mobile di Ateneo.

Pur restando valide le tariffe in vigore, non sarà più attiva la modalità attuale che prevede una fatturazione all’amministrazione dell’Università cui segue un addebito sullo stipendio del dipendente di tutto il traffico effettuato, tale modalità resterà valida esclusivamente per il traffico "ROAMING".

Traffico Fonia Privato/SMS/MMS/GPRS-DATI/VideoChiamate

Tutti coloro che intendono continuare ad utilizzare l’utenza di telefonia mobile attivata nell’ambito della convenzione con l’operatore TELECOM ITALIA MOBILE anche per effettuare chiamate personali verso numeri non appartenenti alla rete di Ateneo, dovranno necessariamente anteporre il prefisso 4146 e tutte le chiamata così effettuate verranno fatturate direttamente all’utente. L’utilizzo del codice ‘4146’ (identificativo delle chiamate personali) è possibile esclusivamente per le chiamate in ambito nazionale e per le chiamate originate dall’Italia e dirette all’estero (traffico internazionale), restando escluso per le chiamate originate all’estero (traffico in roaming).

Ciascun utente riceverà dall’operatore TIM, al proprio indirizzo la fattura relativa al traffico generato (traffico contraddistinto dal 4146, SMS, MMS, GPRS, WAP), cui dopo alcune settimane seguirà l’addebito su conto corrente bancario.

Tale procedura prevede esclusivamente, come modalità di pagamento, l’addebito su conto corrente bancario (domiciliazione bancaria). Non è quindi prevista da parte dell’operatore la possibilità di saldare la quota tramite bollettino postale.

A questo scopo occorre che ciascun utente che desidera avvalersi dell’utilizzo privato del numero aziendale, comunichi i dati necessari compilando e firmando il relativo modulo che va poi inviato a mezzo fax al numero 0657332145.

Chiamate di servizio (fuori dalla rete aziendale di Roma Tre)

Per poter effettuare chiamate di servizio (chiamate fonia verso numeri esterni alla rete aziendale di Roma Tre per motivi di lavoro) è necessario presentare (per chi non lo avesse già fatto) presso questo ufficio una autorizzazione firmata dal responsabile della struttura (preside, direttore, capo area, ecc.) in cui appunto si autorizza a effettuare chiamate a carico della struttura di appartenenza. A seguito della autorizzazione potranno essere effettuate chiamate di servizio senza anteporre il 4146. Tutte le chiamate effettuate senza anteporre il 4146 (sempre per gli autorizzati) saranno addebitate alla struttura di appartenenza.

Pagamento traffico arretrato

Per quanto riguarda il traffico arretrato esso continuerà ad essere detratto dalla busta paga del singolo dipendente. La data fino alla quale sarà mantenuta la detrazione in busta paga dipende dal giorno esatto in cui è stata attivata la nuova modalità di pagamento tramite RID bancario per il singolo dipendente che quindi può non essere la stessa per tutti. Si ricorda che tale data è stata comunicata da Tim tramite comunicazione scritta, inviata al domicilio del dipendente indicato nel modulo di richiesta, di accettazione della richiesta di Tim Duo (dual billing - chiamate private).

I report oggetto delle detrazioni tramite addebito in busta paga sono visionabili nell'apposito sito (https://info-tlc.uniroma3.it) a disposizione con anticipo rispetto al mese di addebito per permetterne il controllo. In caso di problemi nell'accedere al sito è possibile scrivere a telefonia@uniroma3.it

Traffico Roaming (chiamate effettuate e ricevute all'estero)

Tutte le utenze interne alla convenzione di telefonia mobile con l'operatore Tim sono di base inibite al traffico roaming. Per poter utilizzare la propria utenza aziendale all'estero è necessario fare richiesta apposita di abilitazione compilando il relativo modulo ed inviandolo a mezzo fax allo 0657332145.

Il traffico effettuato all'estero sarà addebitato all'utente in busta paga, tranne per la quota di traffico effettuata per motivo di lavoro debitamente segnalata e autorizzata dal responsabile della struttura.

A questo proposito sarà possibile visionare i propri dati sul portale dei servizi telefonici (https://info-tlc.uniroma3.it ).

Il traffico telefonico sarà addebitato mese per mese sulla busta paga con almeno un mese di ritardo rispetto al momento di notifica della fattura da parte dell'operatore TIM.

L'utente deve provvedere ad inviare via fax entro la fine del mese precedente alla detrazione (p.e: se vuole fare segnalazioni per il traffico che verrà detratto sulla busta paga di aprile deve comunicarlo entro il 31 marzo) il report stampato con evidenziate le chiamate effettuate per i motivi di lavoro, allegando una comunicazione del responsabile della struttura che vista e autorizza la richiesta di non addebito delle chiamate in evidenza che andranno quindi addebitate alla struttura di appartenenza.

Se non perverrà tale documentazione a questo ufficio sarà addebitato l'intero traffico effettuato all'estero come riportato sui report reperibili sul portale della telefonia mobile.

Si fa presente che questa modalità sarà valida fino al 28/02/2013, a seguire il traffico sarà addebitato sul proprio c/c bancario, per cui per poter usufruire del traffico roaming sarà necessario aver attivo il traffico personale. Per le nuove attivazioni sarà applicata la nuova modalità.

Traffico Intercom

A tutte le utenze appartenenti alla convenzione è data la possibilità di parlare senza costi in addebito tra colleghi nell’ambito dello svolgimento delle mansioni lavorative.

Il costo del traffico generato è sostenuto interamente dalla Amministrazione Centrale.

Si ricorda che sia componendo il numero breve che quello esteso la chiamate, per l’utilizzatore, è gratuita.

Videochiamate

Tutte le linee TIM Business sono abilitate in maniera automatica al servizio di Videofonia, quindi sarà possibile effettuare videochiamate verso schede di operatori abilitati.

Segreteria telefonica

Tutte le linee TIM Business possono essere abilitate all'utilizzo della segreteria telefonica. Per attivare, disattivare e modificare le impostazioni della segreteria telefonica puoi collegarti a questo link.

Costo chiamata verso segreteria 0,01 euro/minuto a carico dell'utente

Noleggio apparati

Gli apparati noleggiati hanno costi differenti in relazione al modello, ogni noleggio ha una durata fissa di 24 mesi. Il canone di noleggio degli apparati sarà trattenuto sulla busta paga del dipendente. La richiesta va effettuata riempiendo la domanda.

Si ricorda che si può chiedere il noleggio di un solo apparecchio per utente; questo è valido sia considerando la categoria di telefono a noleggio sia quella di telefono a fascia € 0.

In caso di guasto di apparecchio (sia a noleggio che a canone 0) è possibile sostituirlo contattando l’Ufficio Telefonia Mobile e Fissa al 06/57332333 (interno 2333) o inviando mail a telefonia@uniroma3.it. Gli apparati saranno sostituiti con prodotti di uguale marca e modello, nuovi o rigenerati. Nel caso in cui l'apparato non sia disponibile in magazzino, Telecom Italia si riserva di effettuare la sostituzione con un terminale tecnologicamente equivalente.

Si ricorda, non essendo in garanzia gli accessori, di togliere dall'apparecchio stesso prima di consegnarlo all'ufficio preposto batteria, scheda Sim ed eventuale scheda di memoria. Inoltre si consiglia backup dei dati in quanto non saranno recuperabili in seguito.

Attivazione di nuove utenze

Gli utenti, che non sono già in possesso di una scheda aziendale e che non hanno fatto la rinuncia alla stessa, possono usufruire dell'attivazione di nuove utenze. Per far ciò è necessario compilare il modulo di richiesta online.

Una volta pervenuta la richiesta all'Ufficio telefonia mobile e fissa, lo stesso provvederà a inoltrare le relative richieste a Tim.

Non appena saranno disponibili scheda e modello apparato prescelto l'utente sarà contattato per la consegna al recapito lasciato nel modulo di richiesta.

Conservazione di un proprio numero (Number portability)

Gli utenti, che non sono già in possesso di una scheda aziendale e che non hanno fatto la rinuncia alla stessa, possonno usufruire del servizio di portabilità del proprio numero di cellulare posseduto (nel caso di SIM prepagata, si perde il credito ancora disponibile al momento dell'attivazione del nuovo contratto aziendale). È necessario che la SIM prepagata non sia completamente esaurita del suo credito per consentire la portabilità.

Tale opzione comporta la cessione del proprio numero all'Ateneo (è infatti a quest'ultimo come titolare del contratto che vengono praticate le tariffe previste), è poi possibile richiederne la restituzione in caso di uscita dalla convenzione.

In questo caso ogni utente deve trasmettere i propri dati all'Ufficio Telefonia Mobile e fissa (Area Telecomunicazioni). Per fare ciò è necessario compilare il modulo online con l'indicazione delle proprie generalità.

L'attivazione di questa opzione nella nuova convenzione di telefonia mobile, risulta possibile esclusivamente mediante l'invio per tramite fax, dell'apposito modulo, opportunamente compilato, unitamente alla fotocopia di un documento di riconoscimento valido.

Il modulo andrà spedito al seguente numero di fax: 06/57332145 o diretto 2145

La mancata osservanza di questa procedura, non permette di avviare tale opzione nella nuova convenzione di telefonia mobile. Nel caso di numero di cellulare NON TIM bisogna preventivamente fare il passaggio a TIM, recandosi in un qualsiasi centro TIM.

Non appena sarà portata a termine questa procedura l'Ufficio telefonia mobile e fissa provvederà a inoltrare la richiesta a Tim che inizierà l'iter per il passaggio della scheda privata all'interno della convenzione. L'utente sarà contattato (al recapito lasciato nel modulo di richiesta) per l'assegnazione dell'apparato cellulare prescelto.

All'ingresso della scheda privata nella convenzione questa assumerà un profilo chiuso (sarà possibile contattare solo i colleghi ai mobili aziendali o fissi di ateneo), quindi sarà necessario procedere alla richiesta di abilitare il proprio numero alle chiamate personali tramite l'apposito modulo. Per questo motivo dal momento dell'ingresso in convenzione fino all'attivazione del servizio chiamate personali non sarà possibile fare chiamate private.

Note generali

La versione stampabile delle note presenti in questa pagina è disponibile nella sezione modulistica.

Per tutto quello non indicato in questo documento riassuntivo, nonché tutte le tariffe in vigore, è possibile consultare le informazioni e le regole riportate sul sito della telefonia mobile.

^ Top